WHY WEAK ISLANDS?

 

Schermata 06-2457178 alle 21.42.36

Islands are a phenomenon well studied by linguists.
The fundamental work on islands is “Constraints on variables in Syntax” (1967/1986) by J.R. Ross.
An island is a constituent that blocks things from moving out of them: something that is in/ on an island can’t be moved away.

Islands come in two main varieties:

A) Strong Islands:  no extraction is allowed.

B) Weak Islands:  some (kind of) extraction is allowed.

I wanted to use the term “Islands” because it perfectly describes and unifies my two major interests: Linguistics and Traveling.
I think that in our life we (have to) face simply two Strong Islands: the place that is (our actual) home and the place in which we feel at home
( and maybe, one day, it will be our own home).
The first Strong Island is the place (or the places) in which we have been raised, the house in which we live(d), the schools we’ve been to, the friends and the foes we have been meeting all the way through: all of this builds the fundaments  of what we are and what we are not.
The second Strong Island is (personally) the place ( this time unique and unrepeatable) that, immediately and most of time irrationally, feels like home or even better than home.
We said that no extraction is allowed from Strong Islands: I don’t think it is possible to live our life without them.

And what about Weak Islands?
They are all the places I have visited and all the places I will visit.
They are the places of quests, curiosity, experimentation. But also of disappointment astonishment and aloofness.
They are the places of (dis)arranged trips, places in which you studied, worked or just points of passage.

I don’t know if a Strong Island can decay and become a weak one.

But I am pretty sure that a unique Weak Island can surely become your Strong One.

 

Schermata 06-2457178 alle 19.21.41
Le Isole sono un fenomeno molto studiato dai linguisti.
L’opera fondamentale a riguardo è “Constraint on variables in Syntax” (1967/1986) scritto da J.R. Ross.
Un’isola, approssimativamente, è un costituente che blocca un procedimento di estrazione o movimento di “materiale”  linguistico: ciò che si trova su o dentro un’isola non può essere portato via.

Esistono due varietà di isole:

A) Isole “Forti“: nessun tipo di estrazione è consentito.

B) Isole “Deboli”: qualche tipo di estrazione è consentito.

Ho scelto le “Isole” perché uniscono perfettamente la mia passione per la Linguistica e per quel grande contenitore di interessi che vorrei chiamare semplicemente “Viaggiare“.

Credo che nella vita di un essere umano possano esistere solo ed esclusivamente due Strong Islands, due Isole Forti: il luogo che è natio, non scelto, e il luogo che diventa natio, un luogo d’elezione.

La prima Isola Forte è il luogo (o i luoghi) in cui si cresce, la casa dentro la quale si vive, le scuole che si frequentano, gli amici e i nemici che si incontrano nel tragitto: tutto questo forma le fondamenta di ciò che siamo e non siamo.

La seconda Isola Forte è, per me, il luogo (questa volta singolare, unico, irripetibile) che, pur non essendo de facto nostro, è vissuto, subito e spesso, in modo irrazionale come pari (o superiore) al luogo natio.

Abbiamo detto che dalle Strong Islands nessuna estrazione è possibile: non credo sia proprio possibile eliminarle dalla nostra vita.

Le Weak Islands – le Isole Deboli – sono tutti i luoghi che ho visitato e che visiterò nel corso del tempo.
Sono i luoghi della ricerca, della curiosità e della sperimentazione; della delusione, dello stupore o dell’indifferenza.
Sono i luoghi di vacanza (dis)organizzata, di studio, di passaggio e di lavori determinati o indeterminati.

Se un’Isola Forte possa essere declassata a Debole non lo so.
Ma che ognuno di noi abbia una sua propria Isola Forte, di questo ne sono sicuro.

 

 

 

2 thoughts on “WHY WEAK ISLANDS?

  1. To be honest, at first, I didn’t like the title of your blog because, you know, I’m a bad linguist (to read: ehm…my tip was better, the case is closed). I couldn’t see the real meaning of it. Then, I actually learned to love it since I think it goes well with your style (to notice that I’ve tried not to call it “swag” lol) and personality. Bravo!

    Lastly, I love your brain (or mind, the choice is yours!) as well! Lots of love from a dear friend of yours.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s